L'evoluzione di una tradizione di famiglia. Nasce la prima clinica odontoiatrica polispecialistica del Molise. Ad Isernia Studio Dentistico, Dental Kids, Sala Operatoria, Chirurgia Estetica.

clinica dentistica, clinica odontoiatrica, dentista, dentista bimbo, dental kids, chirurgo, chirurgia estetica, isernia, campobasso, molise, venafro, castel di sangro

Domande Frequenti

con passione ... nel tempo e nelle nuove sfide ...

La nostra mission, da oltre 30 anni, è quella di poter soddisfare a pieno le esigenze dei nostri pazienti.
Non esitare a chiedere informazioni. Consulta la sezione seguente sulle domande frequenti, oppure contattaci tramite i nostri canali standard o social.

CHE COS'E' L'IMPLANTOLOGIA?

CHIRURGIA ORALE ED IMPLANTOLOGIA

Specialista: Dott. Angelo Cardarelli
L'Implantologia è quella branca dell'odontoiatria che si occupa di sostituire uno o più elementi dentari tramite l'utilizzo di impianti osteointegrati.
Gli impianti osteointegrati svolgono la funzione di vere e proprie radici artificiali sulle quali, attraverso diversi dispositivi, è possibile cementare o avvitare delle corone protesiche.
Le alte percentuali di successo a lungo termine sono subordinate al rispetto di un adeguato programma di controlli periodici (almeno semestrali) associati a sedute di Igiene Orale e ablazione del tartaro. Le ricerche internazionali hanno dimostrato che i forti fumatori (oltre 10 sigarette al giorno) presentano percentuali di successo inferiori (80 - 85%).
IL PAZIENTE CANDIDATO AGLI IMPIANTI
Il Paziente deve essere in buone condizioni di salute generale ed orale. In particolare, non deve avere in atto né malattie sistemiche, né malattie delle gengive e dei tessuti di sostegno del dente (Malattia Parodontale/Piorrea). Se presenti devono essere curate e risolte prima del trattamento implantare. E' importante sottolineare che molte delle cause che provocano malattie dei denti e delle gengive possono concorrere a determinare un prematuro fallimento degli impianti.
Tuttavia in alcuni casi, dopo la perdita dei denti, si verifica una riduzione del volume d'osso: riassorbimento osseo nella zona edentula. Questo riassorbimento è, a volte, di tale entità da non permettere l'inserimento dell'impianto per mancanza di supporto, infatti esistono delle zone in cui l'altezza e lo spessore dell'osso utilizzate ai fini implantari sono ridotti per la presenza di limiti anatomici inviolabili (cavità nasali e sinusali nell'arcata superiore e canale del nervo alveolare inferiore). Anche in questi casi, tuttavia, è oggi possibile inserire impianti avvalendosi di tecniche di rigenerazione dell'osso che rappresentano il fiore all'occhiello dello Studio Cardarelli grazie ad un'esperienza nel campo di oltre 25 anni.
E' indispensabile che il Paziente, che desideri sottoporsi a terapia implantare, mantenga un buon livello di igiene orale e sia scrupoloso nel seguire il programma di controllo periodico, che verrà programmato. Per definire il piano di trattamento oltre agli esami clinici ed alle analisi di laboratorio, sono previsti come accertamenti diagnostici esami radiografici quali: ortopantomografia (Rx Panoramica) e la TAC (Tomografia Assiale Computerizzata) Cone Beam.
Questi esami strumentali, sono disponibili direttamente all'interno dello Studio. In base al risultato di questi esami, viene stilata un adeguato piano di trattamento implantare.

CHE COS’E’ LA PARODONTOLOGIA?

Specialista: Dott. Angelo Cardarelli
La parodontologia è la branca dell'odontoiatria che si occupa della prevenzione, diagnosi, terapia e mantenimento del parodonto (peri=intorno, odontos=dente), ovverosia dell'apparato di supporto dei denti: la gengiva, il legamento parodontale, il cemento radicolare e l'osso alveolare.
Le gengiviti e le parodontiti (una volta chiamate impropriamente "piorrea") sono le patologie che più frequentemente colpiscono il parodonto. Sono causate dal permanere di depositi di placca batterica e tartaro a livello della superficie dentale e gengivale.

CHE COS’E’ LA MALATTIA PARODONTALE?

La gengivite è un'infiammazione delle gengive reversibile con adeguata terapia. La parodontite è un'infiammazione di tutto il parodonto caratterizzata da una perdita di osso di supporto del dente. La parodontite è una condizione curabile, ma raramente è possibile una completa ricostruzione dei tessuti andati perduti.
Le cause della gengivite e della parodontite sono la placca batterica ed il tartaro che si accumulano naturalmente sulla superficie dei denti, quindi per una terapia efficace è indispensabile il perfetto mantenimento di una corretta igiene orale da parte del paziente. Placca e tartaro possono anche causare recessione gengivale, termine utilizzato per descrivere la retrazione del margine gengivale; condizione avvertita dal paziente come di "allungamento" degli elementi dentari stessi.
Altra causa frequente di recessione gengivale è il trauma da spazzolamento inadeguato dei denti.
In alcuni casi il trattamento parodontale comprende piccoli interventi di chirurgia gengivale per migliorare le condizioni anatomiche ed estetiche; gli interventi possono essere di chirurgia resettiva, rigenerativa o mucogengivale in funzione delle diverse patologie dei pazienti.

CHE COS’E’ L’ENDODONZIA?

Specialista Dott. Filippo Cardarelli e Dott.Giuseppe Cardarelli
E' la branca dell'odontoiatria che si occupa della terapia dell'endodonto, ovvero della camera pulpare e dei canali radicolari che contengono la polpa dentaria (nervo). Mediante la terapia endodontica, la camera pulpare ed i canali radicolari vengono svuotati, sagomati, detersi, disinfettati ed infine otturati.
E' una terapia necessaria in presenza di una pulpite acuta, del granuloma, dell'ascesso o quando il dente per motivi protesici deve essere rimpicciolito a tal punto compromettere la vitalità del tessuto pulpare.
- La pulpite è una patologia infiammatoria acuta del tessuto pulpare e si manifesta con dolore molto intenso, spontaneo al caldo e al freddo e irradiato verso la tempia o l'orecchio.
- Il granuloma dentale è una patologia infiammatoria cronica, del tessuto paradontale che circonda l'apice della radice, sostenuta da batteri presenti nel canale radicolare, è asintomatica e rivelata da un esame radiologico.
- L'ascesso dentale è una patologia infiammatoria acuta, del tessuto parodontale che circonda la radice, sostenuta da batteri presenti nel canale radicolare e si manifesta con dolore localizzato spontaneo e alla masticazione, non è sensibile al freddo, ma al caldo e si può accompagnare a gonfiore. Le terapie endodontiche: devitalizzazione, terapia e ritrattamento canalare. Le terapie endodontiche nello Studio Cardarelli vengono eseguite con l'ausilio di microscopio ottico che consente ingrandimenti fino a 20x al fine di ottenere la massima precisione sia nella detersione che nell'otturazione finale del canale radicolare. Le terapie endodontiche si distinguono in:
- Devitalizzazione se eseguita su dente vitale
- Terapia canalare se eseguita su dente non vitale
- Ritrattamento canalare se eseguita su dente già devitalizzato I denti di regola possono avere un solo canale, due canali come il primo premolare superiore, tre o più canali come i molari. A questa regola anatomica esistono numerose eccezioni ad esempio denti anteriori con due canali e molari con un solo grande canale.


APICECTOMIA
Raramente la terapia endodontiche può essere insufficiente a risolvere la malattia per la presenza e la localizzazione di particolari specie batteriche o di canali radicolari accessori non trattabili. Questi casi potrebbero essere risolti con una "terapia endodontica chirurgica" o apicectomia che prevede tramite un accesso chirurgico gengivale-osseo, di arrivare direttamente all'apice canalare, amputarlo e sigillarlo.

CHE COS'E' LA PROTESI?

Specialista Dott.Giuseppe e Filippo Cardarelli
La protesi è la branca dell'odontoiatria che si occupa di sostituire uno o più denti per ottenere una corretta funzionalità ed una piacevole estetica della bocca.
Nella vita di tutti i giorni il sorriso è fondamentale nel caratterizzare l'aspetto di un individuo: denti con una forma, un colore ed una posizione corretta contribuiscono significativamente a realizzare l'aspetto piacevole di una persona.
La perdita dei denti anteriori senza un'adeguata riabilitazione causa gravi deficit funzionali ed estetici provocando problemi psicologici, come la perdita di autostima, nei pazienti che smettono di sorridere in modo naturale.
L’odontoiatria moderna offre un’ampia gamma di soluzioni per la riabilitazione dei denti danneggiati parzialmente che possono essere ricostruiti con corone totali, intarsi oppure faccette in ceramica. I denti compromessi in modo totale vengono estratti e sostituiti con impianti dentali, ponti a più elementi, protesi fisse o protesi removibili.

La protesi fissa su denti naturali
Una protesi fissa su denti naturali è un restauro protesico che ricopre totalmente la parte visibile di un dente. Essa è chiamata corona totale, viene fissata direttamente al dente con cementi specifici e non può esser rimossa dal paziente.
Il paziente candidato per la realizzazione di una corona totale ha:
- Denti trattati endodonticamente devitalizzati con alto rischio di frattura; in questo caso la corona ha l'obiettivo di cerchiare il dente proteggendolo durante i carichi masticatori. L'esito della frattura può determinare anche l'estrazione del dente.
- Denti con estesa distruzione coronale dove è necessario ristabilire una corretta forma per restituirne funzionalità ed estetica. Spesso si tratta di denti totalmente privi di smalto (porzione superficiale del dente) dove non è possibile effettuare restauri più conservativi come faccette o intarsi.
- Denti con vecchie corone o otturazioni, scuri e insensibili ai trattamenti sbiancanti.

La protesi rimovibile totale
La protesi rimovibile rappresenta la sostituzione di uno o più denti con delle protesi che non sono fisse in bocca, ma il paziente deve rimuoverle ogni giorno per pulirle.
Se mancano tutti i denti le protesi rimovibili sono rappresentate dalle protesi totali comunemente denominate "dentiere", che normalmente sono considerate delle protesi di basso costo.
I pazienti candidati alla protesi totale hanno un numero di elementi dentari residui non sufficienti a realizzare una rotesi fissa su denti naturali o controindicazioni alla terapia implantare.
Le protesi totali o "dentiere" sono completamente in resina e i denti possono essere in resina o ceramica. Generalmente è preferibile che la protesi superiore copra il palato completamente per offrire una maggior stabilità.

Le faccette in ceramica
La faccetta è una lamina totalmente in ceramica dello spessore di circa 0.4 - 0.6 mm che viene cementata sulla superficie esterna del dente migliorando notevolmente l'aspetto estetico.
E' un trattamento che richiede una minima riduzione della superficie esterna dello smalto del dente e non richiede alcuna devitalizzazione.
Trattandosi di restauri di spessore estremamente ridotto, al fine di prevenire fratture o distacchi della faccetta stessa è necessario evitare di addentare o strappare cibi molto duri con i denti anteriori ricostruiti.

CHE COS’E’ LA CHIRURGIA PARODONTALE RESETTIVA?

Gli interventi di chirurgia parodontale resettiva sono rivolti a eliminare piccoli difetti ossei e tasche gengivali causati dalla malattia al fine di restituire una conformazione ossea e gengivale fisiologica. L'eliminazione di suddetti difetti comporta lo spostamento della cresta ossea e del margine gengivale a livelli più apicali, cioè in direzione delle radici del dente.
Nello Studio Simion questi piccoli interventi vengono eseguiti con tecniche minimamente invasive per eliminare totalmente il dolore del paziente durante l'intervento e ridurre il disagio del periodo post-operatorio.

CHE COS’E’ LA CHIRURGIA PARODONTALE RIGENERATIVA?

Gli interventi di chirurgia parodontale rigenerativa permettono di rigenerare difetti ossei isolati e profondi a livello dei denti causati dalla parodontite.
Le tecniche rigenerative prevedono l'utilizzo di piccoli innesti di osso associati a membrane o a fattori di crescita che stimolano selettivamente la rigenerazione dei tessuti parodontali e ne favoriscono la guarigione.
Questi piccoli interventi vengono eseguiti in anestesia locale in modo minimamente invasivo e non comportano grossi disagi durante il periodo di guarigione.

CHE COS’E’ LA CHIRURGIA PARODONTALE MUCOGENGIVALE?

La chirurgia parodontale mucogengivale si applica nei pazienti in cui la malattia parodontale o il trauma da spazzolamento scorretto abbiano creato delle recessioni delle gengive con conseguente allungamento dei denti.
Le recessioni gengivali comportano gravi problemi di carattere estetico e spesso di eccessiva sensibilità dei denti al caldo e al freddo. Ove necessario si attuano delle procedure che consentono la totale o parziale ricopertura delle recessioni gengivali ed il ripristino di un adeguata morfologia del dente.
Tali metodiche possono comportare il prelievo di sottili innesti di gengiva dal palato da posizionare nell'area ove è necessaria la ricopertura radicolare. Unico disagio nel periodo post operatorio è un certo bruciore nella zona di prelievo nel palato.

CHE COS’E’ LA PERI-IMPLANTITE?

La peri-implantite è un'infiammazione dei tessuti gengivali con perdita progressiva di tessuto osseo di supporto attorno ad un impianto. La causa della peri-implantite è l'infezione batterica dovuta all'insufficiente all'igiene orale ed è favorita dal fumo e dalla presenza di una pregressa parodontite (piorrea).
Pertanto è opportuno sottoporsi a controlli periodici, clinici e radiologici, per prevenire l’insorgenza di tale patologia o per trattarla prontamente. La peri-implantite si presenta con arrossamento, gonfiore e sanguinamento, accompagnati sempre da perdita di osso di supporto implantare. Frequentemente si manifesta con secrezione di pus dalla mucosa peri-implantare e con la formazione di una tasca gengivale nell'area dell'impianto.
Il mancato trattamento di una peri-implantite porta inesorabilmente alla progressiva perdita di tutto l'osso peri-implantare ed al conseguente perdita dell'impianto.
Il trattamento delle peri-implantiti è uno dei fiori all'occhiello dello Studio Simion che da anni offre la sua esperienza anche ad altri odontoiatri per il trattamento dei loro pazienti affetti da questa grave patologia.

CHE COS’E’ DIGITAL SMILE DESIGN?

Specialista: Dott. Filippo Caradrelli
E’ un tecnica di progettazione per la riabilitazione estetica e funzionale del sorriso. Utile per il team e la comunicazione con il paziente. Mediante l’elaborazione digitale, il dentista è in grado di presentare al paziente una visione del risultato estetico finale e fornire all’odontotecnico le informazioni necessarie per l’esecuzione della futura protesi. Il DSD prevede inizialmente una fase di pianificazione del caso, ovvero un’analisi diagnostica virtuale e personalizzata mediante l’acquisizione di fotografie e video del volto del paziente. Le immagini vengono successivamente elaborate per l’inserimento di uno o piu’ elementi dentali necessari al restauro protesico, prelevati da librerie di denti suddivise per tipologia di forma e colore. Il risultato viene poi presentato al paziente mediante una pre-visualizzazione dell’effetto estetico finale degli interventi previsti che trasforma l’elaborazione digitale in reale.